Spinacini e la mia prossima notte spavalda!

Assorta nel più magico dei sogni, cammino leggera, in un grandissimo prato di foglioline verdeggianti; svolazzano, intorno a me, farfalle dal purpureo colore e spumeggianti, candide nuvolette, galoppano nel cielo dal profondo blu. La nuda pelle dei piedi viene solleticata allegramente, e mi crogiolo al caldo sole primaverile, con gaia spensieratezza. Tutt'attorno, delicati e coloratissimi... Continue Reading →

La frittata più buona del reame e lo scaffale delle mie brame! (卵焼き)

Sul filone giapponese un mio post del 24 luglio 2018! 🇯🇵

PIATTORANOCCHIO

È da parecchio tempo che ho in mente una ricetta diversa per cucinare l’incredibile, morbidissima e buonissima frittata giapponese tamagoyaki 卵焼き, ma non c’è verso di trovare un ingrediente particolare che, indiscutibilmente e volutamente nel mio piattonondeve mancare. Non trovandolo mai, è diventato una sorta di desiderio viscerale, del quale non posso fare a meno. Sono stata abituata, per mia fortuna, a non avere subito ciò che sogno, ma aspettare, cercare, ponderare, assaporare l’attesa, contare i giorni che passano, sognare e immaginare. Sensazioni che sprigionano felicità e frenesia indipendentemente da cosa si attenda. Succede spesso però, che si idealizzi l’oggetto del desiderio in modo tale da perdere il contatto con la realtà e poi, quando lo si ha in mano, la delusione è così esagerata che si viene travolti da uno sconforto desolante. A volte, invece, è decisamente meglio di quanto ci si è immaginati, e si inizia a…

View original post 337 altre parole

Orata pavoneggiante e i germogli del polo nord!

Sono destabilizzata, destrutturata, instabile, avvolta in un vortice di misteriosi perché, avvilita, affranta. Nel cuore della notte mi sveglio con addosso quella sensazione di oppressione e caldo, quel pesante soffoco fastidioso; mi scopro, i piedi tormentati scivolano fuori a cercare uno spiffero di refrigerio, tiro un sospiro e mi assopisco, ma poco dopo un gelido... Continue Reading →

Ale-burger-home e l’importante è crederci!

A volte riaffiorano ricordi di gioventù, pensieri che ora fanno sorridere, ma che racchiudono, in fondo, molta verità e semplicità. Alle elementari indossavo improbabili vestiti dismessi dalle cugine lontane, perché era normale scambiarseli anche se la taglia non era la mia, ero orgogliosa e fiera, nessuna si vestiva come me! Mi sentivo Candy Candy nella... Continue Reading →

Salmone in vaso cottura…. CHICissimo!!

Era il lontano 9 marzo 2018 quando pubblicai questo articolo. Oggi lo ribloggo volentieri dandogli la medaglia della ricetta con le maggiori visualizzazioni! Vediamo chi se l’è persa??

PIATTORANOCCHIO

E niente, quando vedo qualcosa di “diverso” lo devo assolutamente provare! Sono agitata e incuriosita come un’ape in cerca dei fiori per il nettare o, al dire il vero, mi vedo più come un grosso orso in cerca di un alveare per il miele… comunque, ho voluto provare la vaso cottura. Tutto perché l’altro giorno, facendo pulizia sistematica e chirurgica della cucina, mi è toccato spostare di peso, per l’ennesima volta, quello strano elettrodomestico che ho da ben vent’anni e credo di averlo utilizzato dieci volte: il microonde! A dire il vero, l’avevo preso per scaldare tutt’al più il latte… e così, mossa da vera compassione per questo povero e indifeso oggetto emarginato, mi salta in mente la vaso cottura! Sostanzialmente deve piacere la cottura dei cibi a vapore, e quivi spiego tutte le curiosità e le proprietà della cottura in vaso. Intanto vi dico che, oltre ad essere…

View original post 206 altre parole

Polpo abbracciato alle lenticchie e il terzo incomodo

Terza portata del mio Menù dell'ultimo: è un muscoloso e tentacoloso polpo, che nel suo impeto amoroso, vuole abbracciarle tutte, tutte quante, bello, aitante, nel suo arem di lenticchie chiassose, divertenti, numerose ed entusiasmanti, sguazza tranquillo e vaporoso. Come suòle raccontar la tradizione, così piccine, portan fortuna e ricchezza, ch'io dovrei già esser ricca da... Continue Reading →

Polenta bianca e lupini….. e cosa scusa?

Ed eccoci al primo piatto presentato nel mio menù dell'ultimo dell'anno. Gli invitati si sono chiesti intimamente cosa fossero mai questi lupini... e facendo finta di mandare qualche messaggio augurale, svelti hanno digitato su google... "...è una pianta della famiglia delle Fabaceae ", ah si certo ora è tutto chiaro. Chissà come si sposeranno con... Continue Reading →

Rotolo salato e l’ansia dell’innominato!

In queste giornate di inizio dicembre, il tempo sembra volarmi via dalle mani e la frenesia, che si percepisce per strada, è talmente intensa, da rendere frenetiche anche le mie azioni, come se per forza debba essere di corsa, anche quando non ho motivo di esserlo! In questi giorni convulsi non posso rimanere indietro, indifesa e... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑