Supplì e mi si son rotte le ciabatte! Evviva!

Ci sono alcuni oggetti del desiderio che si sognano cosi tanto, da idealizzarli come fossero indispensabili e insostituibili. Anni fa, ho comperato un paio di ciabatte per far riposare questi miei poveri piedi stanchi, stretti e soffocati nelle scarpe tutto il giorno, per cinque giorni alla settimana. Dovevano essere perfette e svolgere l'importantissimo compito del... Continue Reading →

Pasta al pollo, maledizione la cena e poi il bis…

La notte è scesa, nel caldo guscio della mia casa, serenamente avvolta da una morbida coperta, attendo e scruto l'orizzonte in cerca di qualcosa di indefinito e osservo, in silenzio, dalla mia finestra, le tenebre e l'oscurità. Il buio tetro, cupo, oscuro evoca incertezza, inquietudine e smarrimento, o addirittura angoscia. Ombre inconsuete e strane movenze,... Continue Reading →

Pappardelle al ragù d’anatra, mousse di foie gras e l’abbiocco rotolante.

Autunno, morbido e accomodante, luminose giornate si susseguono alternandosi alla pioggia incessante, la prima nebbiolina fa capolino nelle algide ore mattutine, tutto si accende di rosso vivo, arancio brillante, giallo intenso e verde luccicante dei prati, col riverbero di mille goccioline scintillanti. Nel bosco, che profuma di umidità, di funghi e muschio, è confortevole passeggiare... Continue Reading →

Il ragù della mamma… in modalità Pentathlon!

Ci  sono quelle giornate dove cucini una cosa e il profumo ti fa tornare bambina... “eravamo in casa in cinque: papà, mamma, la sorella maggiore (che comunque aveva sempre ragione perché appunto era la saggia sorella maggiore), la sorella minore (che comunque aveva sempre ragione perché appunto era l’indifesa sorella minore), e io in mezzo….... Continue Reading →

WordPress.com.

Su ↑