Zucchine fritte e il richiamo della natura!

La mamma è sempre la mamma, e pur volendo imitarla e, a volte, anche superarla, non c’è niente da fare, non ci riesco, perché ci sarà sempre qualcosa che lei fa meglio di me e io non la raggiungerò, senza mai capire perché! Con questa perla di saggezza, inizio la mia giornata lavorativa un po’ frastornata, questa mattina, nonostante il cielo terso e il freddo pungente, ho la mia solita sensazione che qualcosa nel meteo cambierà. A volte credo di poter perfino scrivere io le previsioni a tre giorni, perché il mio personale termometro corporeo, insito nel mio essere, prevede perfettamente, senza ombra di dubbio e senza errore alcuno, cosa succederà. Capto, ineluttabilmente, l’arrivo del vento, come se lo avessi compresso nella mia calotta cranica, ma non una brezza leggera, proprio quell’impetuoso vento, fastidioso nemico della mia vita. Sento l’arrivo della pioggia e dell’umidità, potrei azzardare anche i millimetri che cadranno e la percentuale percepita, le avverto talmente forte nelle ossa doloranti che non mi sbaglierei e intuisco la stabilità del sole caldo, che acquieta e mi rende tranquilla. La natura mi chiama e mi prepara, e nel contempo squilla anche il cellulare: …è lui, il meteo che manda un messaggio di avvertimento! Anzi no, è la mamma, che mi invita a pranzo, ha preparato “la” squisitezza che a me proprio non riesce, e ubbidendo al richiamo della natura, corro da lei e mi godo queste meravigliose zucchine fritte, servita e riverita, in attesa che il meteo si materializzi esattamente come io lo sento, giorni prima.

CURIOSITÀ’:
queste zucchine non hanno una storia precisa, di sicuro so che il mio nonno Severino le preparava spesso e la mia mamma, sua figlia, continua tutt’ora a prepararle nello stesso preciso, identico modo. Sembra strano ma quando le faccio io, anche se gli ingredienti sono gli stessi, non vengono mai come le sue! Dopo numerosi fallimenti sono arrivata alla conclusione che le zucchine con me si ribellano, vogliono la mia mamma e LA padella di ferro nero, annerita e consunta che lei, la mamma, non presta a nessuno!! Non ho potuto nemmeno fotografarla!

SUGGERIMENTO:
…quando tutto è il contrario di tutto:
consumare verdure fritte, patate, melanzane, zucchine ecc in quantità moderata, sicuramente non nuoce alla salute, ma nemmeno alla bilancia! Ad avvalorare questo mio pensiero c’è uno studio spagnolo secondo il quale le proprietà di alcune verdure perdurano maggiormente con la frittura e non con la bollitura. E’ proprio con questo tipo di cottura, infatti, che la quantità di acido oleico e i componenti antiossidanti aumentano maggiormente e tali componenti contribuiscono a prevenire il cancro, il diabete e, addirittura, la perdita della vista. Scoprire gli effetti benefici che le verdure apportano alla salubrità è stato l’obiettivo dei ricercatori. Questi, infatti, hanno studiato i vari metodi di cottura per le verdure comunemente consumate nella dieta mediterranea e hanno scoperto che queste, se fritte nell’olio, anziché cotte in acqua, conservano maggiori proprietà nutritive.

Ingredienti per 4 persone
4 zucchine grosse
2 uova
pangrattato
olio di semi di arachidi
sale e pepe
La pentola di ferro (che nessuno ha)

In una ciotola rompere le uova e sbatterle ottenendo una crema morbida e ben amalgamata, aggiungere un pizzico di sale e di pepe. Scaldare molto bene abbondante olio di semi in una padella bassa e molto grande. Tagliare le zucchine, prima in 3 pezzi regolari, poi ogni pezzo in fettine non troppo sottili. Immergere le fettine nell’uovo sbattuto. Lasciarle macerare qualche minuto. Prelevare qualche fettina di zucchina e passarla schiacciandola con le dita nel pangrattato, poi friggerle nell’olio caldissimo facendo attenzione che non si sovrappongano. Scolate su carta assorbente appena saranno dorate, ci vorrà meno di un minuto. Ottime, così come snack o aperitivo, oppure come contorno a un semplice prosciutto cotto, per una cena velocissima.

11 risposte a "Zucchine fritte e il richiamo della natura!"

Add yours

  1. Fantastica doratura riguardo alla frittura, 😉👌 rasenta la perfezione! Io (visto il mio regime alimentare veg) ometto le uova e faccio una pastella con farina di ceci, acqua, sale e un pizzico di curcuma. Escono uno spettacolo e ahimè quando accade ne mangio in quantità industriali 😜👎

    Piace a 2 people

Rispondi a Nilzeitung Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: