Calzone fatto in casa e i miei giorni di ordinaria follia

Che io non sia una persona del tutto normale è risaputo….
Ma non perché io abitualmente faccia cose strane, o dica parole inappropriate, o non riesca a frenare le espressioni facciali inequivocabili, no, non per queste cose, che sono costanti nella mia vita da quando ho esalato il primo respiro….La non normalità che mi contraddistingue è sicuramente l’insieme delle stranezze nella mia, apparentemente silenziosa e ordinaria, vita. Primo fra tutti la modalità di rilassamento che adotto alla fine di tutte le mie giornate, sedendomi finalmente tranquilla sul divano, per quei dieci immensi, lunghissimi e godibilissimi secondi serali sorseggiando il mio amato caffè. Una deliziosa, calda, profumata tazzina di caffè espresso che verso le 23 mi concilia immensamente il sonno e mi prepara, rilassando ogni muscolo del corpo, ad una notte serena e tranquilla. Al contrario, per rimanere sveglia, vigile e con una serie di palpitazioni e fibrillazioni al cuore, basta bermi un goccino di camomilla o dimenticarmi clamorosamente la mia dose di caffeina giornaliera, bevendola troppo presto nel pomeriggio e non a ridosso del letto e delle coperte. Certamente avrò una notte agitatissima, con occhi sbarrati e continuo rigiro del mio corpo senza capire come mai il pigiama non mi segue minimamente, ritrovandomi fasciata come un insulso ed inconsistente involtino. E se purtroppo disgraziatamente questo succede, il giorno seguente sarà un susseguirsi di irritanti momenti sull’orlo dell’alienazione mentale, con screzi, nervoso a fior di pelle, voglia impulsiva di essere munita di missili terra aria, per spazzare via davanti a me ogni qualsivoglia ostacolo. E proprio stasera, con le mani a scatto automatico, la nebbia offuscata dalla stanchezza della folle giornata, e le idee piuttosto confuse e confusionarie, invece di proporre una pizza fatta in casa a regola d’arte, mi ritrovo a imbottire velocemente e istericamente con tutto quello che mi viene in mente, un calzone ripieno di ordinaria follia!

SUGGERIMENTO:
se non avete tempo di preparare la pasta e farla lievitare, chiedete al fornaio se vi prepara della pasta per pizza lievitata. Basterà stenderla, riempirla e richiuderla. Più veloce di cosi!

IL RIPIENO:
il ripieno del calzone è assolutamente a gusto personale, ma se anche lo riempite internamente con ciò che più vi aggrada, spalmate ugualmente un pò di pomodoro fuori, due pezzetti di mozzarella e una foglia di basilico, nel cuocere e gonfiarsi, coloreranno il vostro calzone allegramente.

Ingredienti per un CALZONE ALLA MONTANARA:
un panetto di pasta per pizza pronta da circa 100 gr
3 cucchiai di passata di pomodoro densa
2 bocconcini di mozzarella di bufala
2 fette di speck
3 piccoli funghi porcini
1 foglia di basilico
qualche pezzetto di formaggio casera o similare
prezzemolo fresco
olio extravergine

Stendere la pasta in un disco abbastanza sottile, insistete nel centro tralasciando i bordi che possono rimanere più gonfi. Spalmare due cucchiai di passata di pomodoro densa e già saporita nel centro. Aggiungere i funghi porcini precedentemente passati in padella con un filo di olio extravergine, sale e prezzemolo. Tagliare a dadini il formaggio e distribuirlo, pepare, chiudere il calzone a metà schiacciando un pò i bordi e rimboccare la pasta. Spennellare di olio la parte superiore del calzone, spalmare l’ultimo cucchiaio di passata di pomodoro, tagliare le mozzarelline in due e distribuire qua e la, aggiungere la fetta di basilico e infornare a 250 ° per almeno 10 minuti, anche 15 minuti, dovete vedere la pasta ben cotta e croccante. Togliere dal forno, mettere due fette di speck sulla superficie calda e aspettare un paio di minuti prima di servire.

18 risposte a "Calzone fatto in casa e i miei giorni di ordinaria follia"

Add yours

      1. Ahah, fantastico! 😀
        Per me che non bevo caffé da anni, poi… io vado avanti ad orzo e thè nero 🙂
        Basta una tazzina di caffé, anche ben diluita con latte, per farmi saltellare agitata per giorni…!

        Piace a 1 persona

  1. Por mucho tiempo tuve la peregrina idea que el calzone era una pizza Tu creación sobrepasan los deleites de la buena mesa italiana. Pero además te quisiera pedir un favor: Tu reflexión en el sofá contienen mucho de poesía. Hay frases que llenan versos de un sentir poético digno de leerse. Por eso quisiera tomar tu texto y convertirlo, adecuarlo a un poema para publicarlo en mi blog reconociendo tu autoría. Disculpa mi atrevimiento pero me pareció fantástico y no pude resistir pedirte este favor. De todos formas sino lo consideras así, no he dicho nada. Gracias por permitir leerte.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: