Le spezie e la mia avventura a Como York

spezie.jpg

E’ arrivato il giorno per una nuova avventura, la mia dolcissima e gentilissima amica decide che sia giunta l’ora di farmi vivere questa straordinaria esperienza. E’ da un po’ che ne parliamo, ma non ho mai tempo e mio malgrado, posticipo l’evento con la speranza di non deluderla e farle passare la voglia di accompagnarmi.
Puntualissima, anzi con qualche secondo di anticipo, come uno sposo all’altare, faccio il palo davanti al cancello e sussulto di gioia al sopraggiungere della carrozza. Mi accomodo e inizio a biascicare parole senza senso, vinta dalla trepidazione e dalla brama di arrivare a destinazione. Per me, la città di Como, nonostante vi sia nata e vivo a soli 8 km, è misteriosa e intricata quanto New York, non conosco vie, né negozi, se non i più famosi, mi affido spesso al filo di Arianna (che in questo caso non è mia sorella) e vado sistematicamente sempre e solo dal lago alla torre e dalla torre al lago. Spesso, se devo cercare qualcosa, mi avvicino ad uno straniero, confondendolo con uno del luogo e chiedo, gentilmente, di indicarmi la via con un tranquillo: noio volovon savuar… Ma eccoci di fronte alla meraviglia delle meraviglie, come un geco mi appiccico alla vetrina con le mani a ventaglio e alito un soffocante: “ma è il negozio di spezie più bello e fornito del mondo!”. Il profumo, le fragranze e i colori si susseguono in un turbinio avvolgente e io impazzisco di gioia ficcando il naso in tutti i tester posizionati ben in fila. Grazie Laura, che avventura stupenda oggi nella mia New York! E grazie Cucinantica !

spezie1.jpg

CURIOSITA’:

Oggi ho acquistato le meravigliose spezie delle quali vi darò qualche indicazione sotto presa curiosando e approfondendo le mie conoscenze.
Altre, che ho già in casa, le elencherò sotto con vicine le ricette nelle quali le ho utilizzate.

speziesalebambu.jpg

SALE DI BAMBU’:
(Corea del sud)
Rarità sudcoreana, questo sale viene prodotto da secoli dai monaci buddisti a partire da sale marino autoctono. Il sale viene inserito in canne di bambù e le estremità vengono sigillate con dell’argilla gialla ricca di minerali e cotto almeno 9 volte a temperature altissime. Questo fa sì che la parte acquosa evapori completamente, lasciando un prodotto polveroso e più concentrato. Da usare su tutti i piatti, va utilizzato con moderazione! La sua origine si crede risalga ad un migliaio di anni fa, quando dottori e medici erano intenti a sviluppare rimedi per le malattie del loro popolo. Gli impieghi proposti sono i più disparati, dalle antinfiammatorie alla più banale antialitosi. Se mescolato con una crema idratante può essere utilizzato per il trattamento dell’acne. Usatelo su ogni piatto ma con moderazione!

 

spezieagnocasto.jpg

AGNOCASTO:
(Marocco)
Questa piccola bacca, dal gusto leggermente amarognolo, viene chiamata anche pepe del monaco, in quanto è conosciuta dal Medioevo, utilizzata dai monaci europei per insaporire le pietanze. L’agnocasto, è una pianta tipica della zona del Mediterraneo dove c’è un elevato tasso di umidità. È detta anche falso pepe per via dei suoi frutti che, una volta essiccati, assomigliano alle bacche di pepe. Si sposa bene su stufati, arrosti e grigliate di carni bianche.

 

speziewasabi.jpg

WASABI DI HATAKA:
(Giappone)
Polvere di wasabi giapponese, per preparare l’omonima salsa. E’ ricca di proteine, vitamina B6, vitamina C, minerali come Calcio, Magnesio, Potassio e Manganese. Basta mescolare un cucchiaino di polvere con qualche goccia d’acqua nella proporzione di una parte di polvere per due parti d’acqua e si attendono 15 minuti (nei quali avviene la reazione enzimatica). Dire Wasabi si pensa subito a sushi e sashimi ma questa polvere può essere usata anche con pesce in genere, con il salmone, bistecche, hamburger, patatine, per aromatizzare maionese e salse e tutto ciò a cui dare calore e piccantezza orientale.

speziecarvi.jpg

CARVI:
(Siria)
Simile al cumino, il carvi ha un aroma più dolce e delicato. Poco conosciuti in Italia, i semi di carvi sono invece molto utilizzati nella cucina del Nord Europa. Sono anche noti per le loro proprietà digestive. In particolare nei paesi del nord Europa si mettono nel pane, nei formaggi ed perfino nei dolci e nei biscotti. Si prepara anche un liquore, chiamato come questa spezia in tedesco (il Kümmel). Si possono anche aromatizzare carne e verdure, in particolare cavoli e crauti.

 

speziefienogreco.jpg

FIENO GRECO:
(India)
L’aroma del fieno greco ricorda vagamente la liquirizia dolce, il pane tostato ed il curry, pertanto si può utilizzare intero o macinato in ogni preparazione. È anche ricco di benefici, conosciuta fin dai tempi degli antichi Egizi per le sue proprietà toniche, ricostituenti e rinvigorenti.  Un altro importante pregio del fieno greco è quello di normalizzare il livello di zucchero nel sangue e quindi è di aiuto nei casi di diabete, poi abbassa il livello di trigliceridi e il livello del colesterolo LDL aumentando il livello del colesterolo HDL. In India le foglie essiccate con uno spiccato gusto amaro vengono usate per preparare il curry e altre spezie (Panch phoron) e i germogli vengono usati per arricchire le insalate, in Turchia viene usato per produrre una pasta chiamata Cemen, nella cucina persiana le foglie sono l’ingrediente segreto di ghormeh sabzi ed eshkeneh (stufati a base di erbe), nella cucina egiziana i semi vengono aggiunti nell’impasto di una pita-focaccia a base di semi di fieno greco e mais e nella cucina africana diviene parte di una spezia chiamata berberè e ideale per spezzatini di carne. L’ingrediente segreto può essere abbinato anche alle verdure come i funghi per preparare primi piatti o risotti oppure piatti a base di altri legumi.

 

TUTTE LE MIE SPEZIE LE TROVI QUI: 

FAVA DI TONKA
Fava tonka… e non si finisce mai di imparare!
Crostata di mirtilli selvatici, vassoio pieno che va e vassoio pieno che torna!

CARDAMOMO, CANNELLA, SEMI DI PAPAVERO
Marmellata di fichi che bontà, se non lecchi i baffi ne mangi solo metà!
Emulsioni e salse da… collezione

SEMI DI SESAMO, ROSMARINO, TIMO, GOMASIO, SEMI DI GIRASOLE, SEMI DI SENAPE
Salmone in vaso cottura…. CHICissimo!!
Carote viola e… l’antipatico: io lo so!
Insalate 1…2…3…4… e la prova scarponcini!
Torta salata di piattoni cinicamente mangiata per voi!
Spaghetti al verde… una gustosa dieta da dittatore!

LIQUIRIZIA, POLLINE
Il Manucompleanno e il delirium tremens di Mozart!
Biscotti a vortice e i ceffoni della zanzara!

PEPE ROSA
Chicche cremose e l’ortoforesta amazzonica!

DRAGONCELLO, BERGAMOTTO, LEMONGRASS, ORIGANO:
Penne veloci … al frigo vuoto!
Crostata fredda coloratissima… in barba al sorbetto!
Seppie vestite di verde… in singolar tenzone!
Paccheri, radicchio e… l’undicesima piaga della salsiccia!
Spaghetti di Konjac, impronunciabili … ma che buoni!

CHIODI DI GAROFANO, MIRTO, ALLORO, BACCHE DI GINEPRO, FINOCCHIETTO
Orata o branzino… questo è il dilemma!
Il ragù della mamma… in modalità Pentathlon!
Filetto di cervo… a dieci stelle!
Arista di maiale al Calvados e l’Olimpo ubriaco!
Polipo in girandola
Non chiamateli solo tortellini alla panna

PIMENTON, PAPRIKA DOLCE, CURCUMA, PEPERONCINO, ZENZERO, CURRY ROSSO:
Frittata con uova magiche
Pollo… mi t’adooori !
Sambuco… lo strano caso delle piante in fiore! Seconda parte: Risotto
Pasta fredda.. una tavolozza di colori con passione travolgente!
Polpette stratosferiche…. affamate!
In un nido di tagliatelle… le quaglie si moltiplicano!
Cervo sfizioso, conviviale, sublime… in fondue!
Zuppa giapponese by アレ

SEMI DI CUMINO, SEMI DI CARVI
Tiroler Gröstl, Polda affamata e sapori d’Austria.

FIORI DI SAMBUCO:
Sambuco… lo strano caso delle piante in fiore! Quarta parte: la torta
Sambuco… lo strano caso delle piante in fiore! Terza parte: frittelle
Sambuco… lo strano caso delle piante in fiore! Seconda parte: Risotto
Sambuco… lo strano caso delle piante in fiore! Prima parte: Aperitivo

FOGLIE E FIORI DI TARASSACO:
Margherite di pasta… e la figlia dei fiori in cucina!

VANIGLIA:
Panna cotta mignon… e la vita diventa rosa!

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

7 risposte a "Le spezie e la mia avventura a Como York"

Add yours

  1. certo che la fantasia non ti manca e , anche se non tutte avranno la capacità di cucinare con lo stesso tuo entusiasmo , come me ,sicuramente fai venire la voglia di provarci .(anche solo per usare i mariti come cavie perché il risultato sarà un’incognita) rosatea .

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: