Il pesto alla trapanese… un viaggio antico.

busiate3

Quando sento parlare di pesto, mi viene subito in mente l’altra parte di me, la mia metà ligure. La mamma mi ha lasciato nel dna una salsa verde al basilico che se ne trova traccia ogni qualvolta faccio gli esami del sangue, tanto che il dottore segna con asterischi e punti di domanda, senza mai capire cos’è questo strano valore che viene trovato. Sento profumo di basilico ad ogni impercettibile alito di vento, che ne sbandiera e sparge il profumo, ne coltivo in qualsivoglia pertugio, sul balcone, in giardino, in casa e lo metto perfino come ornamento in sala, in bella mostra, nel centrotavola. Ma oggi, mi imbatto in una pasta speciale, antica e di tradizione (qui) e voglio condirla con un pesto diverso, di un’altra splendida regione, un’isola meravigliosa e calda che vorrei tanto visitare, la Sicilia.

busiate2

E’ incredibile quanto sia bello scoprire come i movimenti dei popoli influenzino le reciproche tradizioni. Si racconta che, nel porto di Trapani, si fermavano le navi genovesi, provenienti dall’Oriente e che i marinai genovesi, per riprodurre il loro pesto, dovettero accontentarsi di utilizzare prodotti locali, o si dice che, semplicemente, fecero conoscere agli abitanti di Trapani, come preparare il pesto, ma essi decisero di utilizzare i prodotti della loro terra e modificare questa deliziosa salsa con l’aggiunta di pomodori e mandorle.

busiate

Ne esce una salsa a crudo profumatissima, gustosa e colorata che di solito viene abbinata ad un tipo di pasta tipico: le busiate. (qui)

Ingredienti:

8 pomodorini pizzuttello
50 g di mandorle (già pelate)
50 g di pecorino stagionato
un mazzetto di basilico
olio
sale
pepe
1 spicchio d’aglio

Preparare i pomodori mettendo sul fuoco una pentola piena d’acqua. Quando inizia a bollire scottare i pomodori per 2 -3 minuti, scolarli e lasciarli raffreddare. Una volta raffreddati, spellarle metterli in un mixer oppure in un mortaio. Aggiungere il basilico, le mandorle pelate, l’aglio e frullare il tutto per un paio di minuti. Una volta ottenuto un composto omogeneo, unire il pecorino grattugiato. Aggiustare di sale e pepe, aggiungere un filo d’olio extravergine d’oliva e amalgamare bene il tutto.

Annunci

4 risposte a "Il pesto alla trapanese… un viaggio antico."

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: