Canestrelli al caffè, il segreto c’è, eccome se c’è!

Fiumi di inchiostro, parole e segnali, ma il vero segreto è ben celato. Leggo attentamente tra le righe, cerco di carpire una sfaccettatura mai notata, mi accaloro e mi incuriosisco. Vorrei catturare quel particolare sentore, intrappolare sotto il mio palato la vera consistenza. Scrivere, mi serve per aprire il mio cuore in modo più naturale, più spontaneo, riesco ad uscire dagli stereotipi delle conversazioni formali e ad essere veramente me stessa. Mi nutro di letture e di viaggi, mi appassiono alle tradizioni, di ricette che si perdono nella notte dei tempi, molte sono divertenti, altre sono serie, alcune criptiche. Il loro segreto è un tesoro inestimabile, da custodire minuziosamente, che possiamo fare nostro, per continuare a trasmetterlo agli altri. Rintanarsi tra i fornelli per me è un momento antidepressivo di sublime serenità, la mia cucina è il regno dell’appagamento personale e al contempo delle mie sconfitte, delle frustrazioni quando non mi riesce qualcosa, è un insieme di ricordi e di emozioni, luoghi e cose, legati tra loro da un filo impercettibile ed eterno. Necessitano prove, esperienze e grammi per trovare la soluzione e ottenere il risultato perfetto; scovare l’ingrediente segreto senza il quale null’altro porterà alla perfetta riuscita è un impegno, è dedizione, è fantasia. Tutto questo in silenzio, senza troppo clamore, senza destare rancori, perché vorrei donare la gioia a chi assaggerà questi dolci biscotti, e vorrei sgorgasse pura, senza impedimento alcuno, insieme all’ebrezza, all’entusiasmo, a quella fanciullesca ilarità che strappa un sorriso sincero e schietto. E finalmente, dopo tanto tentennare, scovo quell’ingrediente segreto, nascosto e raggiante esclamo: eccolo c’è, eccome se c’è!

SUGGERIMENTO:
e ora vi svelo l’ingrediente segreto che è il tuorlo d’uovo sodo! Non vi usciranno mai dei veri canestrelli se non userete questa accortezza. L’uovo deve essere sodo e dovrete utilizzare solo il rosso. Provare per credere!

UN’IDEA DIVERSA:
non so per quale motivo ho pensato di preparare questi canestrelli proprio al caffè. Forse perchè nell’elenco dei miei biscottini da confezionare avevo già abbondante cacao (per i brownies) abbondante marmellata (per gli spitzbuben) e quindi volevo qualcosa di diverso. Adorando il caffè, la scelta è caduta su questo ingrediente, seppur il suo sapore è appena accennato.

LO SAPEVATE CHE:
un altro segreto dei canestrelli è la loro altezza. Dovete stendere la pasta alta almeno 5-6 mm e non più bassa. La formina deve avere un diametro di 4 cm al massimo con foro centrale. Se la trovate senza foro, poi fare il buchino centrale con un altra formina (tipo il beccuccio della sac a poche)
Riuscire a stendere la pasta tutta dello stesso spessore rimane, per me, comunque un enigma!!

In assenza di caffè, i biscottini saranno molto più bianchi perché dovrete ricordare di toglierli dal forno quando ancora saranno pallidi. Non devono assolutamente cuocere di più perché la pasta si seccherebbe troppo e non otterrete quel sapore “pastoso” e burroso tipico dei canestrelli.

Con le quantità che vi indicherò riuscirete a preparare circa 70 canestrelli, una volta freddi e spolverizzati con zucchero a velo, potete conservarli fino a due settimane, chiusi in contenitori ermetici o riposti in una scatola di latta.

Ingredienti:
200 gr di farina
150 gr di fecola di patate
200 gr di burro
100 gr di zucchero a velo
4 tuorli sodi
1 bustina di vanillina
20 gr di caffè in polvere fine

Preriscaldate il forno a 160/170° C. Setacciare le farine e lo zucchero a velo in una ciotola. Aggiungere la vanillina miscelando bene con una frusta a mano. Tagliare il burro morbido a temperatura ambiente a pezzetti e amalgamarlo con la farina aiutandovi con le punta delle dita e ottenendo un composto dalla consistenza sabbiosa. Far bollire le uova per 8 minuti in acqua bollente, poi passare subito in acqua freddissima, sbucciarle e mettere i tuorli da parte. Setacciateli quando saranno ben freddi e aggiungerli alla farina velocemente impastando molto bene. Spolverizzare con il caffè in polvere. Impastate energicamente con le mani e una volta ottenuto un impasto liscio ed omogeneo, disponetelo in frigo per almeno 1 ora. Trascorso il tempo, stendere l’impasto ad un’altezza di 6 cm e ricavate, con un taglia biscotti sagomato di 4 cm di diametro, i canestrelli. Con un taglia biscotti dal diametro di 1 cm, invece, ricavate un piccolo foro al centro di ogni biscotto in modo da ricavare la classica forma del canestrello. Disporli su una placca rivestita di carta forno, infornate per 15 minuti a 170/180°. Spolverizzare i canestrelli con abbondante zucchero a velo.

15 risposte a "Canestrelli al caffè, il segreto c’è, eccome se c’è!"

Add yours

  1. Bravissima Alessia, spiegazione perfetta… l’aggiunta del caffè è un’ idea geniale per variare il sapore!!! La frolla con il tuorlo sodo è eccezionale io la uso anche per preparare gli ovis mollis con un tondo di marmellata di albicocche al centro…i biscotti fatti con questo tipo di frolla sembrano proprio quelli delle pasticcerie!
    Grazie per tutte queste ricette di biscotti natalizi, sei sempre una fucina di idee meravigliose 😘😘😊

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: